martedì 16 giugno 2009

"Un amore sostenibile" #2 / "A sustainable love" #2

Eccoci alla seconda parte del racconto di Alessia e Carlo, novelli e felici sposi ai quali non manco di augurare tanta felicità per sempre!
E vorrei dedicare questo secondo ed ultimo post in tema di matrimonio a Gabry, una mia cara collega che si sposa con Hichem questo giovedì, facendo assieme la scelta di donare i soldi per le bomboniere ad un’associazione no-profit, Emergency. Bravi! Vi auguro una vita splendida e ricca di belle cose circondati dall’amore delle persone che vi vogliono bene!
Non mi dilungherò oltre con la prefazione ma vorrei ringraziare tutti quelli che hanno letto, commentato, linkato e ribloggato il post precedente, in particolare VivereVerde che mi ha fatto conoscere a molti dei suoi lettori!!! Grazie!!!
Ora lascio la parola ad Alessia:
Here we are, telling the second part of the story of the newlywed and happy Alessia and Carlo, to which I don't miss to wish a lot of happyness forever!
And I want to dedicate this second and last post on weddings to Gabry, my dear colleague who is getting married with Hichem this Thursday, choosing to donate money for ‘confetti’ to a no-profit association, Emergency. Congratulations! I wish you a wonderful life together, full of beautiful things and surrounded by the love of your beloved persons!
I will not be long more with the premise but I just want to thank all of you that read, commented, linked and re-blogged the previous post, especially VivereVerde who made me know to most of her readers! Thank you so much!
Now I let Alessia speak:



















Non abbiamo fatto lista nozze, abbiamo chiesto la famosa "busta" a parenti e amici spiegando che ciò che avremmo raccolto sarebbe andato un po' a coprire le nostre spese e il resto:
• grazie al nostro amico Joussef (che collabora con Educaid) contribuirà alla ricostruzione in Palestina.
• grazie a Manitese andrà ad un progetto che il gruppo sta sostenendo in Burkina Faso.
• grazie a Don Claudio finanzierà progetti di microcredito sul nostro territorio.

We didn’t do the wedding list, we asked to our relatives and friends the usual “envelope”, explaining that what we collected would have covered a little part of our purchases and the rest:
• thanks to our friend Joussef (who collaborate with Educaid) part of money will contribute to the rebuilding in Palestine.
• thanks to Manitese part of money will be devolved to a project sustained from the association in Burkina Faso.
• thanks to Don Claudio part of money will finance a fair kind of credit.


In sala abbiamo appeso alcuni cartelloni per spiegare perché la scelta di cibi freschi, niente plastica, l’importanza del ridurre il trasporto dei beni, di consumare acqua del rubinetto ma anche di imparare a dare valore a ciò che si fa e non ciò che si ha e che la felicità non viene da ciò che compriamo e consumiamo (alimentando lo spreco di risorse e la produzione di rifiuti e spesso contribuendo ad ingiustizie sociali).
In the hall we hang some posters to explain why we chose fresh foods, no plastic, the importance to reduce the trade of goods, the importance to consume water on the tap but also to learn in giving more value to what you do and not what you have. We also said that happiness doesn’t come from what we purchase and consume (which makes grow the waste of resources, rubbish and also social injustices).

Nei cartelloni abbiamo citato due frasi che a noi piacciono molto:
“Un uomo è tanto più ricco quante più sono le cose delle quali può fare a meno.” H.D.Toureau
“Ce n’è abbastanza per le necessità di tutti ma non per l’avidità di nessuno.” Mahatma Gandhi

On posters we also quoted two sentences we like very much:
“He is richer who is content with the least” H.D. Toureau
“There is much enough for everyone’s need, but not for everyone’s avidity” Mahatma Ghandi


Oltre all’intento “educativo” ci siamo concessi anche qualche creatività gratuita:
Beyond the educational intent there was also the creative one:


• Alle pareti della sala abbiamo appeso una mini-mostra composta da una decina di foto di panorami d’Irlanda fatte da Carlo.
• We did a little exposition on the walls of the hall hanging a ten of landscape photos taken in Ireland by Carlo.


















• Inoltre dato che gli spazi offerti dalla parrocchia non erano proprio scenografici, abbiamo realizzato un set fotografico: era semplicemente un lenzuolo disegnato da me (con i disegni dei ragazzi dell’Aquilone ingigantiti) attaccato sul palco e illuminato dalle luci del teatrino parrocchiale.
• Moreover, seeing that the spaces offered by the parish weren’t so scenographic, we created a photographic set: a simple sheet designed by me (with the enlarged drawings of the children of the Aquilone association) hanged on the stage and lightened from the parish theatre lights.

• In effetti siamo un po’ maniaci di fotografia e ci piaceva che anche questo aspetto della nostra vita fosse presente. Quindi ci siamo assicurati di avere dei “buoni scatti”, grazie a due amici fotografi, ma vi assicuro che, anche senza fotografi professionisti, a distanza di un mese dal matrimonio, si è sommersi dalle foto delle immancabili macchine digitali dei presenti con materiale per almeno due album.
• We are really fond of photography, so we liked the idea that this aspect of our life would not have been neglect. So we assured to have “good shots”, thanks to two friends who are photographer, but I ensure that, even without professional photographers, until a month before the wedding day you are buried with pictures by the unfailing cameras of hosts, with enough material for filling two albums.












• Per le auto: io sono arrivata in Lambretta e Carlo si è fatto prestare un vecchio pullmino wolkswagen e lo ha decorato con fiori e arcobaleni di cartoncino, molto hippy!
• For cars: I took the Lambretta (old Italian scooter n.d.t) and Carlo came with a old borrowed wolkwagen coach, decorating it with flowers and rainbows in paper… very hippy!

Se ciò che vi ho detto non basta, vi posso rivelare qualche altra ideuzza che non siamo riusciti a realizzare:
If these things are not enough I can reveal some little ideas more we didn’t be able to realize:

• Per l’abito da sposa mi sarebbe piaciuto comprarne uno che avevo trovato al mercatino dell’usato e idem per Carlo… volevamo qualcosa di vintage ma siamo scesi a patti con i nostri genitori, che volevano un matrimonio più classico e già avevano ingoiato il rospone dell’aperitivo nella saletta parrocchiale, così abbiamo ceduto sui vestiti usati. Però si può fare!
Un’altra alternativa all’acquisto potrebbe essere affittarli.

• I would have been happy to purchase the wedding dress I saw at the second-hand market. Carlo wanted the same for himself. We wanted something vintage, but we had to negotiate with our parents who wanted a more traditional wedding. They bit the bullet of the aperitif in the parish hall, so we renounced to the second-hand dresses. But it could be a good thing to do!
Another option could be to rent dresses.


• Per l’addobbo floreale avrei voluto addobbare io la chiesa. Avevo pensato a piantine di primule seminate un po’ ovunque e edera sulle panche ma non sono riuscita ad organizzarmi, così ho chiesto ad fiorista solo il bouquet, l’altare e le prime panche (niente fiore all’occhiello, niente addobbi per le auto, niente nuvole di fiori di cui non si accorge nessuno e che il giorno dopo andranno nel bidone)… sìììì è vero si fa un po’ la figura dei pezzenti ma chissene…
As regards the flower decorations I wanted to decorate the church myself. I thought about little primrose plants to distribute all around and ivy on the pews but I wasn’t able to organize, so I asked to a florist only the bouquet and the decorations for the altar and the first pews (neither flower at the buttonhole, on cars nor flower clouds of which nobody notice and the day after are waste)… Yes, the look could seem a bit poor but does anyone care?

• Per le foto avevamo pensato di dotare gli invitati di macchinette ma la sala era un po’ troppo buia e con il flash di quelle macchinette rischiavamo di avere come ricordo amici e parenti ‘sparaflesciati’ con gli occhi rossi, insomma effetto coniglio.
• As regards photos at first we thought to give some cameras to guests but the hall was too dark and with the flashes of those cameras we would have been at risk to have pictures of relatives and friends with a pale look and red eyes like rabbits.

Ultimo consiglio:
Last suggestion:

Quando andate in qualsiasi posto per comprare qualsiasi cosa, che siano calze, un reggiseno, fiori o qualsiasi altra cosa assolutamente non dite che vi state sposando…chissà perché i negozianti pensano che voi per quel giorno vogliate spendere molto più del reale valore di ciò che state acquistando.
When you go in every kind of shop to purchase anything, in example nylons, bras, flowers or every kind of stuff, don’t absolutely say that you are getting married… I wonder why sellers think that for the wedding day you want to pay more than the real value of purchases.


E vissero tutti felici e contenti…
And lived happily ever after…

Alla fine erano tutti molto soddisfatti, anche i più scettici, perché hanno mangiato bene (purtroppo è la prima cosa) e hanno capito che stavamo cercando di offrire loro qualcosa di più. Li stavamo invitando a condividere cose che per noi sono molto sentite ma anche che anche per loro dovrebbero essere importanti, tanto anche nei giorni successivi ci hanno chiesto spiegazioni e noi siamo stati felici di fornirgliene… per noi è stato un successone!
At the end everybody were really satisfied, even the more sceptics, because they eat the best (unfortunately is the first thing) and they understood that we wanted to offer them more and invite them to share things we feel cordial. It would be great if they can feel these things important too. But something has happened because even in the following days they asked us more infos, which we were happy to give… it was a great success!

Spero che in tutte queste chiacchiere ci sia qualcosa di utile ma nel caso vi servissero altre informazioni, o qualche idea, potete scrivermi una mail a bi_alessia@virgilio.it e sarò felice di aiutarvi.
I hope that among these chats there’s something useful, but if you need some infos or ideas more you can write to bi_alessia@virgilio.it and I will be happy to help you.

Ciauuuuu!
Seeee you!


Cosa aggiungere? Per me pubblicare questo post è stato molto entusiasmante come è stata grande la mia sorpresa nel vedere quanto sia stato apprezzato questo nuovo modo di organizzare una festa di nozze… vuol dire che siamo sulla buona strada per cambiare un pochino il mondo!!! Non credete?
What to add? The enthusiasm in publishing this post was big as much as big was my surprise to see that this new way to organize wedding celebration was appreciated… it is the sign that we are on the right way to change a bit the world! Don’t you see?

15 commenti:

Gio ha detto...

Per i tuoi amici, Danda: la figura è da pezzenti solo per chi ritiene l'ostentazione più importante del vostro amore. Al contrario, la semplicità e la linearità di una festa senza sprechi inutili la rende quel che dovrebbe essere: solo una cornice, per quanto bella, dell'avvenimento più importante. Auguri!

Amelia ha detto...

nata e cresciuta in parrocchia non è la prima volta che assisto/aiuto per un matrimonio sostenibile e noto con piacere che la consapevolezza si sta diffondendo!!! bravissimi e congratulazioni

Danda ha detto...

Ciao ragazze! Sapevo che vi avrei ritrovato qui a commentare questo bel post!

@ Gio: hai scritto delle bellissime parole molto vere. Spero che Alessia e Carlo abbiano letto il tuo commento, ne sarebbero molto felici!
L'unione tra le due persone che si amano è la cosa più importante... a volte sembra che perdiamo davvero di vista questa cosa.

@ Amelia: bello che tu sia cresciuta in un clima di solidarietà e aiuto... dove sono nata io i matrimoni purtroppo non sono quasi mai sostenibili. E le parrocchie non aiutano. Qualcuno ha cominciato ad evitare di fare come bomboniere oggetti totalmente inutili. Fortunatamente ora mi sono trasferita in un luogo sicuramente più attento e 'se' e 'quando' la cosa mi riguarderà più da vicino sarò sicuramente più avvantaggiata...

...Alessia??? Vero che mi sarai una mano??? ;D

Marco *Consumo Meno* ha detto...

complimentissimi ad elessia e carlo per il loro amore sostenibile! Tutto fantastico.. ma il camper volkswagen è veramente sopra ad ogni cosa! E' bellissimo! Love and Peace.

Danda ha detto...

Eh eh... ciao Marco, non pensavo di trovarti qui!
Visto che forza il furgoncino? Sono stati tanto bravi ma secondo me si sono divertiti pure una cifra... sarebbe bello se tutti i matrimoni fossero così, ci sarebbero meno musi lunghi e forse anche coppie più longeve! :D

Marco *Consumo Meno* ha detto...

come non pensavi di trovarmi qui???
Nel post dell'amore sostenibile non poteva mancare un mio commento :-D
Evviva l'amore :-D

Danda ha detto...

:D Concordo pienamente!
Solo che... di solito queste vicende romantiche sono le preferite delle donne! :)

Vivere Verde ha detto...

Bellissimo!!! Non vedevo l'ora di leggere la seconda parte!!! Sono dei grandi i tuoi amici, pezzenti a chi????

Come tua amica, pure io consiglierei a tutti: non dire mai che quello che vuoi acquistare è per il matrimonio.... mio marito ad esempio ha acquistato un comunissimo completo, che lui lo usa tuttora per lavorare, non ha nemmeno menzionato la parola matrimonio, e il bellissimo completo da sartoria non gli è costato più di tanto, anzi, meno dei vestiti di certi grandi magazzini...

Aspettiamo che la pratica della semplicità si diffonda, anche tra i ricchi!!!!

luby ha detto...

vi ho conosciuto tramite vivere verde!
anche io cercherò di fare un matrimonio nel vostro stesso "stile".
ora ho anche dei suggerimenti in più ;)
sei stata veramente carina ad inserire in un(due)post i ricordi della vostra giornata!
auguri di cuore

Danda ha detto...

@ Vivere verde, visto? Ho mantenuto la mia promessa!
Hai ragione sono povere quelle persone che non hanno altro che da mostrare i loro averi... purtroppo certi matrimoni sono veramente squallidi da questo punto di vista!
Accetterò il consiglio tuo e di Alessia, e quando toccherà a noi saremo bene accorti! ;)
Un lavoro di sartoria vale molto di più di un capo da grande magazzino o da negozio... a trovare la sartoria giusta! :D

@ Ciao Luby!
Benvenuta nel Dandaworld!!!
Sono felice che i due post ti siano piaciuti ma non vorrei deluderti, non sono io che mi sono sposata, ma due miei nuovi amici, il cui racconto ho ospitato qui.
Girerò i tuoi auguri e complimenti a loro appena li vedo.
E per quanto riguarda me... ehm quando toccherà a me seguirò di sicuro i loro consigli!
Ora vengo a sbirciare sul tuo blog così approfondisco anche la tua amicizia! A presto!!!

;Danda

Layla ha detto...

Ooh, she has such a lovely dress!! :)

& she even looks a bit like my friend!!

Great to hear about their sustainable wedding!! :)

Layla ha detto...

& BIG Congratulations to the newlyweds!!

It is so wonderful this wedding helped inspire people!! :)

A lot of details & ideas will be helpful for others contemplating a bit more unconventional weddings!!

amore sostenibile e fantastico!! :)

Danda ha detto...

Thank you very much Layla, I'll bring your congratulations to the newlyweds, they can't connect always to the web!

Great to see you've learned some italian words! :D

Bravissima!!! A presto! ;)

Cristella ha detto...

Quanti matrimoni noiosi hanno lasciato il segno e si ricordano a ditanza di anni? Questo, così originale, sarà ricordato anche da chi inizialmente era scettico. Bellissimi, i disegni dei ragazzi ingranditi sul lenzuolo!

Danda ha detto...

Ciao Cristella!
Sì questo matrimonio sarà da ricordare e solo per le cose belle... per quanto mi riguarda non colleziono molti ricordi di matrimoni noiosi, piuttosto matrimoni spreconi! Forse non ne ho ancora visti abbastanza?
Saranno felici di sapere che ti sono piaciuti i disegni... non c'è cosa più bella e genuina delle creazioni dei bimbi!