domenica 8 novembre 2009

Zero Waste Week: and the final sentence is...

Allora, vi ho tenuti abbastanza sulle spine? Non vedete l'ora di sapere com'è andata a finire la nostra Settimana a Zero Rifiuti?
Bene! Lasciamo a voi la sentenza e la foto qui di sotto vi mostrerà il risultato...
And then, did I keep you in suspence enough? Can't you just wait to know how our Zero Waste Week went?
Well! We let you to say the sentence and the photo below will show you the result...


Speriamo non siate rimasti delusi... nel piccolo scompartimento dei rifiuti indifferenziati ci sono due piccole cose che avrebbero rovinato, per così dire, la festa:
... un pezzetto di nastro adesivo trasparente e una bustina di lievito istantaneo per dolci...
We hope not to having disappointed you... in the little container of the home bin, dedicate to unrecyclable waste, there are two little things that blew almost the celebration:
... a little piece of scotch-tape and a sachet of baking powder for cakes...

Per noi è comunque un grandissimo risultato!
Nessuno è perfetto e dobbiamo ammettere che è veramente difficile evitare che qualcosa finisca nella spazzatura. Sappiamo, tuttavia, che si può ancora migliorare, trovando l'alternativa a ciò che ci ha destabilizzato... abbiamo l'occasione di ripetere la sfida, fra un paio di settimane, vi faremo sapere.
Quando ieri mattina, scherzando con Irish, gli ho detto: "Adesso, appena finita la sfida, ti scatenerai nel buttare tutto nella spazzatura, vero"? Con un'espressione molto contrariata mi ha risposto "Niente affatto! Ora bisognerà assolutamente continuare a fare zero rifiuti"!
Evvaiiiii!!! :D
Questa è la vera vittoria! Modificare le proprie abitudini finché non si riesce a tornare indietro, perché il peso sulla coscienza è più leggero e non vedi più la ragione di tornare ad inquinare!!!
But for us it is a big result the same!
Anyone is perfect and we must admit that it is really hard to avoid to throw anything in the bin. Anyway we know that we can improve much more, finding the alternative at the things that put us in difficulty... we have another chance to repeat the challenge, in two weeks, we'll let you know.
As yesterday morning I joked with Irish and said: "Now that the challenge will end, you'll go wild to throw everything in the bin, don't you"? and he "Not at all! Now, we will absolutely keep to make Zero Waste"!
Yay!!! :D
This is the real victory! To modify our habits in order to not feel the need to go backwards, because the conscience feels more slight and you can't see a reason to pollute anymore!!!

Allora cos'è che ci ha portati a gettare quei due rifiuti nella spazzatura?
Dobbiamo fare il passo indietro di un giorno, appunto ieri. L'immagine sotto può dirvi i rifiuti umidi che abbiamo raccolto in una settimana e che sono finiti nel bidone marrone per andare all'impianto di compostaggio della zona.
So what was the things that brought us to throw those two scraps in the bin?
We have to do a backward step a day ago, yesterday. The photo below can show you the humid garbage we collected in a week, thrown in the brown bin to be composted.


Nella prima mattinata, quindi, siamo usciti per recarci alla stazione ecologica locale per portare delle cose che avevamo raccolto da quasi tre mesi: quattro sacchi di rifiuti del giardino, principalmente aghi di pino – i sacchi di plastica sono stati poi raccolti con la plastica –, una bottiglia da mezzo litro di olio esausto, cinque o sei pile esaurite, una lampada fluorescente a tubolare tolta dal bidone del vetro – dove qualcuno l'aveva irresponsabilmente buttata – un toner di una stampante laser dall'ufficio di Irish.
So, in the first morning we went out to go to the local HWRC, to bring some things we collected in the last three months: four sacks with garden waste, mostly pine-needles – plastic sacks were recycled with plastic – a half litre bottle with used kitchen oil, five or six exhaust batteries, a fluorescent tube lamp we remove from the recycling bin of glass – where somebody irresponsibly throw it – a toner for a laser printer from Irish' office.


Dopo di ciò siamo andati a prelevare la nostra spesa al GAS di Rimini. Salvo un paio di acquisti (zucchero di canna e cacao) recapitati nel sacchetto di carta, e delle zucchine in un sacchetto di HDPE riciclabile, frutta e gli ortaggi che vedete, nelle sportine di stoffa, sono stati recapitati in cassette che vengono poi restituite ai produttori, insieme ai contenitori di plastica, per il riutilizzo. Ma nelle foto guardate bene il formaggio (incartato) come ci è stato recapitato... notate qualcosa di strano?
Sì è proprio lui, il pezzetto di nastro adesivo che abbiamo dovuto buttare! Sulla confezione di carta, reggeva il biglietto col codice assegnato al gasista... ci siamo sentiti bugerati! :(
After that we went to take our purchases in the Local Exchange Group of Rimini. Except two purchases (cane sugar and cocoa) in a paper bag, and zucchini in a HDPE recyclable bag, all fruits and vegetables, you see in the cotton bags, were delivered in boxes that are then returned to the farmers with the plastic containers, for reuse. But do you notice something strange in the photo with the cheese (in a paper sheet)?
Yes, it was that one, the scotch-tape piece we had to throw! On the paper pack it hung the ticket with the number assigned to the member of the group... we felt like pulled our legs!


Dopo questa tappa siamo andati al supermercato a fare gli acquisti della settimana. Cose che non avremmo potuto comprare altrove o che comunque riteniamo più convenienti. Il supermercato in questione è la Coop. Come ho già detto, è una catena di distribuzione molto attenta all'ambiente, tanto da aver eliminato completamente i sacchetti in PE. Ora ci sono solo i sacchetti in Mater-bi, le sportine in tela o le scatole di cartone, come quella di cui ci siamo serviti. Lo vedete nel video di sotto – scusatemi la qualità e la mancanza di audio –:
After this step we went to the supermarket to purchase the rest for the week. Things that we couldn't have the possibility to purchase in other ways or rather cheap things. The supermarket was the Coop. As I previously said the Coop is more careful towards environment. In fact it eliminated the use of plastic bags. Now you can find only Mater-Bi or cotton bags or at least cardboard boxes, like the one we used to bring all home. You can see in the video below – sorry for the low quality and lack of audio –:

video

Nel video potete trovare i seguenti prodotti, nel scegliere i quali abbiamo fatto molta attenzione che il packaging fosse riciclabile:
In the video you can find the products that follow. Choosing those one we were careful on the packaging:
• Sacchetto di carta del pane, riciclabile / Paper bag for bread, recyclable
• Burro in lattina con coperchio in LDPE, riciclabili – finalmente abbiamo trovato un'alternativa alla classica confezione non riciclabile! – / Butter with metal can and lid in LDPE, recyclable – finally we founded an alternative to the usual butter packaging –

• Patatine in sacchetto di PP riciclabile – dovevamo prenderle, può darsi che in settimana abbiamo qualche visita serale e ci sarebbe stato poco tempo per farle in casa! – /
Crisps in a PP recyclable pack – we needed them for the possibility to be visited during the weeks, I haven't so much time to make them at home! –

• Carta igienica riciclata Ecolabel con involucro in LDPE riciclabile /
Toilet recycled Ecolabel paper in LDPE recyclable packaging

• Uova biologiche in confezione di cartone riciclabile /
Organic eggs in a carton recyclable box

• Gnocchi in scatola di PLA compostabile – perdonateci ma il tempo è tiranno, impareremo a fare anche quelli –
Potato dumplings in a compostable PLA box – sorry we will learn to make them at home too!

• Ricotta in scatola di PET riciclabile /
Ricotta cheese in a recyclable PET box

• Tovaglioli in carta riciclata Ecolabel e confezione in LDPE riciclabile / Ecolabel Recycled paper napkins in recyclable LDPE packaging

• Farina biologica in confezione di carta riciclabile / Organic flour in recyclable paper bag

• Zucchero semolato in confezione di carta riciclabile / White sugar in recyclable paper bag

• Sacchetti per rifiuti in HDPE riciclato all'80% e riclabile – ci servono per il giardino – / 80% recycled HDPE sacks, recyclable – we need them for garden waste

• Vino rosso in bottiglia con capsula in alluminio riciclabile e tappo di sughero – da mettere da parte per raccolta – / Red wine in glass bottle with aluminium capsule on the cork – we aim to recycle corks –

• Polpa di pomodoro biologica in bottiglia di vetro e tappo in metallo riciclabili /
Organic tomatoe sauce in glass bottle and metal lid, recyclable

• Fagioli borlotti in scatola di acciaio e involucro di cartone riciclabili /
Pinto beans in metal recyclable can and carton packaging

• Birra in bottiglia con capsula in alluminio riciclabile e tappo di sughero – da mettere da parte per raccolta – /
Beer in glass bottle with aluminium capsule on the cork – we aim to recycle corks –
Insomma non ci siamo fatti mancare niente, eh?
E comunque nonostante la nostra attenzione, quando a casa abbiamo rivisto bene gli acquisti e abbiamo notato il nastro adesivo siamo rimasti noi stessi un po' male. Però ripensando a Mrs. A. che nella sua prima Settimana a Zero Rifiuti, lei, che è molto più brava di me, aveva gettato nella spazzatura solo un cerotto, mi sono un po' consolata.
Il peggio è arrivato nel pomeriggio, quando, avendo deciso di fare una torta di mele per festeggiare il mio passato compleanno, alla fine della lavorazione mi è servito il lievito istantaneo per dolci e l'unico che avevo era in bustine con l'interno plastificato! Arrrrgh!
Certo, non potevo fermarmi e poi buttare l'impasto, sarebbe stato uno spreco peggiore!
Una cosa è certa per il futuro bisogna trovare un'alternativa...
Così la serata si è conclusa mangiando una fetta di torta – che, forse per il dispiacere, è collassata al centro... che pasticciona! – e un bicchier di vino con un brindisi, non solo ai miei anni! In fondo dentro di noi quel brindisi era dedicato alla nostra parziale vittoria, quella di aver constatato, ancora di più, che i rifiuti si possono ridurre!
Quindi cin cin! E alla prossima sfida! ;)
So, how many things, eh?
And if we were very careful, when we returned home we control our purchases and discovered the scotch-tape piece... oh no! But rethinking on the great Mrs. A., who collected in her Zero Waste Week only one plaster, I consoled myself.
The worse arrived in the afternoon, when, deciding to make an apple cake to celebrate my past birthday, at the end of making I had to use the baking powder for cakes. The one I had was in a paper sachet with a plastic film inside! Arrrgh!
Of course I couldn't throw away the dough, it would have been a worse waste!
Only a thing was true at the end, we need more alternatives...
So, the evening ended with a piece of cake – that, pehaps for being sorry, was fold to the centre... what a bungler I am! – and a glass of wine to toast not only to my new age, but also to our partial victory, which one that made us ascertain that waste can be reduced!
So cheers! And see you to the next challenge! ;)

P.s.: dedico questa piccola vittoria ad un bimbo nato da pochissimo, il bimbo della coppia di amici super-ecologici, ve li ricordate? Tantissimi auguri di una vita felice in un mondo pulito e giusto!
P.s.: I dedicate this little victory to my friends' newborn baby, the eco couple who got married, do you remember? So many wishes of a happy life in a clean and fair world!

13 commenti:

luby ha detto...

prima di tutto auguri al nuovo arrivato!

poi complimenti!
dai non ti abbattere!
siete stati magnifici!
straordinari!
incredibilmente eco!

e poi lo sai che 6 tanto fortunata?il tuo irish ti ha assecondata ed ora sembra anche che ha preso gusto con la crociata anti rifiuti!!!!
la mia tigre non lo farebbe mai..animo da consumista senza pentimento alcuno...prima o poi lo lascio affogare nella plastica così capirà cosa intendo quando dico che la plastica ci toglie l'ossigeno!!!!!!!
in due anni ha capito solo dove gettare il tetrapac...il resto per lui è ignoto puro!
eppure tutti i santi giorni sono lì ad indicare con il ditino il contenitore adatto per questo o quel rifiuto...uff!!!
ormai ho dovuto adottare il sistema..."butta tutto lì poi sistemo io..."
w irish!
e un cin cin a te!

ps.scusa il commento lungo un papiro...

Vera ha detto...

Ciao Danda, ho letto per intero solo questo ultimo post sul tuo esperimento. Innanzitutto complimenti, mi sembra un risultato non buono ma addirittura ottimo! :)
Volevo poi dirti che di solito le bustine di lievito naturale, cioè cremor tartaro, sono tutte di carta, anche se le vendono a pacchetti, imballate nella plastica (non so se riciclabile o meno, a dir la verità).
Un bacione!

Danda ha detto...

Grazie ragazze!
Siete state le prime a commentare il nostro risultato! Felici di leggere le vostre parole incoraggianti e contenti per come è andata! Non vediamo l'ora di poter fare di meglio, prossimamente...

@ Luby, dai non ti far prendere dalla rabbia! Stai piantando i semi, vedrai che presto comincerai a cogliere nuovi frutti. Per me è stato lo stesso per anni. Con le mie coinquiline degli anni in cui studiavo, ero sempre io a 'forzare' sul riciclo. Adesso che io non sono più tra loro mi dicono che loro stesse hanno preso l'abitudine a fare la differenziata e a chiedersi: "questo rifiuto dove lo butto?" :D
Forza e coraggio!

@ Vera, che bello ricevere un suggerimento a proposito del lievito. Sono cose che prima o poi mi toccherà ricomprare. Cercherò, quindi, il cremor tartaro e ti farò sapere delle confezioni. Avevo visto che tu lo usi spesso, ma la forza dell'abitudine a volta porta a farmi fare cose sbagliate! Grazie e a presto! Spero che la tua vita nella capitale vada alla grande! Un bacione anche a te! ;)

ALMOST MRS AVERAGE ha detto...

Hi Danda (& Irish) well done. That's brilliant. What is interesting is to see the alternative packaging options you've discovered thanks to your research. Having so little in your bin is a brilliant result. And don't forget the picture we made with the few odds and ends that were leftover. Children and Junk art are a great help. Good luck for the next challenge :-)

Layla ha detto...

WOW!! Great week, Danda and Irish!!

And so great you will continue it on too!!

I am really intrigued by those recyclable bottle tops! Do tell more about them (with a closer pic) if you can? (Is there no plastic lining on the lids?) I'm not sure if we have such here in Slovenia except maybe for the 'good' wines?

I was wondering about baking powder yesterday and wanted to ask you which one did you get? ;)
(We haven't found zero waste baking powder or yeast yet here..)
It is great you can buy vegetables directly from farmers and return the packaging!!

Awesome to hear about the butter!! I wish we could find it here in recyclable packaging too!!

Overall, a fabulous week and so great to be able to be with you on this journey!

me ha detto...

Danda, sei stata bravissima! Il tuo esempio ci fa vedere che essere ecologici e non ledere l’ambiente non significa soffrire, privandoci del cibo, ma essere responsabili nel fare le scelte.
Sarebbe bello se anche i negozianti adotassero le regole che promuovi tu!

Danda ha detto...

Mrs. A., glad to see you here commenting our result! Thanks so much! We would never been able to reach this aim without your help and inspiration!
What picture? Ah, that one with the "Unburied Treasures"!!! Wonderful! It's already a piece of living history now and, who could say... perhaps it will be valued billion pounds in the future! ;D
What a luck to be surrounded by so creative creatures like yours! Unfortunately I have no children, so I must consider to make work my meninges soon! LOL

Danda ha detto...

Yeeessss, Layla, you've said, GREAT WEEK!
Oh, sorry, in a first time I wanted to make a video with a normal camera, but then I couldn't wait to publish our result... so I used my mobile... o_O
Of course many detalis weren't focused, but I promise that I'll write new posts about zero waste product at home, with more detailed pictures.

Wine I showed in the video isn't a particular 'good' wine. It is a normal 'lambrusco' which is effervescent, so the cork is kept by a sort of metal cage with aluminium lid and foil. Like the lid of our 'spumante' or 'champagne'. It's rare to find corks not covered with plastic. Unfortunately not all the wines have this kind of cork and I discovered only three or four types. But for buying them I must go to that big supermaket, as that butter too... :(

The pastry baking powder I bought is from a Tuscan brand. It contains potassium tartrate, from grapes, sodium bicarbonate and mais starch, all from organic farming.
A different one, and totally zero waste, is the beer yeast we use for pizza and similars: it is in a glass jar and a metal recyclable lid. But it isn't good for cakes!
Perhaps I should prove only with sodium bicarbonate?

Thanks for all your amazing support and questions. Very useful to grow as good zero waste consumers! ;)

Danda ha detto...

Cara Mirna, grazie di essere stata accanto a noi in questa avventura!
No, hai perfettamente ragione, non ci siamo privati di nulla e abbiamo cercato delle alternative. Ovviamente non tutte le ciambelle riescono col buco, però è già tanto che siamo riusciti a impastare e infornare la nostra! :D
Se potessi, coinvolgerei anche i commercianti e ogni tanto, durante i miei acquisti, butto là qualche frase appropriata per creare i presupposti per un dialogo. Come per esempio ieri, nel bel mezzo di una fiera gastronomica, abbiamo acquistato dei formaggi e delle marmellate: abbiamo prontamente rifiutato le sportine di plastica e per fortuna il nostro gesto è stato molto apprezzato dagli stessi commercianti! Bello, no? Speriamo bene... ;)

irish people ha detto...

ma che bello aver attirato così tante attenzioni per questa piccola avventura che speriamo possa diventare presto una bellissima abitudine quotidiana...ci riproveremo sicuramente presto, cercando di migliorare ancora!!! ormai non ci fermiamo più...

Danda ha detto...

Visto che vi avevo detto? A prestoooo!!!

Lo ha detto...

siete grandi e bravissimi...finalmente ho avanzato il tempo per leggere la fine di questa avventura....per il lievito....allora il baule volante lo vende in confezioni di sola carta anche singole...io ho ordinato una confezione gigante per non avere singole bustine, ma un unico sacchettino che ho riciclato per altro e poi nella plastica....
ma in queste cose mi incastro..meglio singole bustine di carta o una più grande di plastica? aiutami tuuuuuuu
un bacione

Danda ha detto...

Mia carissima Lo!!!
Come posso ringraziarti? Intanto mi hai fatto un bel regalo di compleanno, provando i famosi biscotti, pubblicandone la ricetta e dicendo di noi con così bellissime parole!
Poi sono molto contenta di destare la tua attenzione sugli imballaggi. Non è un caso che la maggior parte di quelli che eliminiamo derivano dai prodotti alimentari!
Ho dato un'occhiata al sito della marca che mi hai proposto. Qui purtroppo non si trova, ma ho già avuto modo di testare lo scorso anno il lievito per pane e pizza, poiché l'ho comprato durante il mio viaggio in Trentino. Sei fortunata a poter acquistare confezioni grandi. Direi che è la scelta più ottimale sia per il consumo di risorse che economicamente parlando. ;)