martedì 5 gennaio 2010

FELICE 2010!!! / HAVE A HAPPY 2010!!!


Pronti? Partenza… via!
Lo so, sono già trascorsi ben quattro giorni dal primo del nuovo anno e non pensiate che non avessi avuto più voglia di scrivere! Tutt’altro!
Gli ultimi giorni del 2009 mi hanno provocato talmente tante sensazioni da poterci scrivere un libro. Tutto però è volato via velocemente e non ho fatto nemmeno a tempo ad accendere il computer che… già il conto alla rovescia per il Capodanno stava partendo!
Ready to start? Go!
I know, four days have passed from the New Year’s Day, and don’t think I hadn’t the pleasure to write anymore! Indeed!
Last days of 2009 provoked so many sensations in me that I could write a book. But everything flew quickly away and I wasn’t in time to switch on my computer that… the countdown for the New Year had started!


Così questo momento della mia vita è come un treno ad alta velocità con pochissime fermate. E dire che io odio la velocità e che avevo augurato a tutti un Natale all’insegna della lentezza e della serenità… cosa che io stessa non ho saputo vivere fino in fondo, pur attrezzandomi di tanta buona volontà. Ma chi o cosa ne ha colpa?
So this moment in my life is most as a high-speed train with very few stops. Just to say that I hate speed and whished to everybody a Christmas in total downshifting and serenity… a thing that I wasn’t able to live deeply, even being equipped with a lot of good will. But whose is the fault?

Forse, quando le emozioni collassano tutte insieme, la nostra mente non è capace di elaborarle. E ci ritroviamo a correre, a fare scelte affrettate e anche a… discutere a voce alta, accusandosi, rimproverandoci l’un l’altro. Poi, in un successivo momento di silenzio, capisci che sei andato nella direzione sbagliata, contro la tua stessa natura. Ma a tutto c’è rimedio.
Maybe, when emotions collapse all together, our mind isn’t able to elaborate them. And we are here again running and doing choices under pressure and also… arguing loudly, accusing, reproaching one another. Then, in a moment of silence, you understand that you went in the wrong direction, against your own nature. But you can remedy it.

Il Capodanno da noi è tristemente noto per essere il giorno in cui puoi disfarti di ogni cosa che non ti serve più. “Anno nuovo, vita nuova” dice il proverbio… quasi una celebrazione del consumismo, l’elogio dei rifiuti!
Col nuovo anno sembra che si possa cancellare ogni brutto ricordo, ogni sbaglio, con promesse e propositi e falso ottimismo.
Perché invece non proviamo a “riciclare” ciò che invece vorremmo far sparire dal nostro cuore? Proviamo a prendere ogni tipo di emozione e rielaboriamola, cerchiamo di capire se c’è qualcosa di buono, che valga la pena salvare e conservare, che ci possa essere di insegnamento o possa fare da segnale per la strada giusta.
Here the New Year’s Eve is sadly famous as the day when you can throw away everything you don’t need anymore. ‘New year, new life’ we say… as a celebration of consumerism, the ode to waste!
With the New Year it seems that you can erase every bad thought, every fault, with promises and proposals and false optimism.
Why don’t we prove to ‘recycle’ things we want to make disappear from our heart? Let’s try to take every kind of emotion ad re-elaborate it, trying to understand if there’s something good, that is worth to save and store, that can be as example or as a signal for the right way.


Proprio questo stavo facendo in questi primi giorni del 2010. Per questo finora non avevo saputo trovare il modo di scrivere.
Ed eccomi di nuovo qui in una veste “riciclata”, con mio animo rivoltato come un calzino bucato, uno di quelli che però tiene caldo e non vorresti buttar via.
Spero di potervi accompagnare, quest’anno, in un percorso di ripensamento dei valori, materiali e non, anche di quelli che appaiono meno importanti, esattamente come i nostri rifiuti.
I was doing exactly this, during the first days of 2010. This is the reason why I wasn’t able to publish anything.
And here I am in new ‘recycled clothes’, with the soul turned over as a sock with a hole, one that is very warm and you don’t want to throw away.
I hope to go near by you, this year, on a path rethinking the real values, material or not, also those ones that appear less important, the same as our waste.


Mentre medito su questo, il mondo sembra voler di nuovo proporsi come artefice delle nostre emozioni.
Un pettirosso viene a farci i visita ogni giorno, ci chiama, si avvicina, non ha paura, ci studia e sembra quasi capire i nostri sguardi curiosi.
La neve che copre ogni cosa la fa splendere di bianco, rendendo bello anche ciò che non lo è.
Il mio amore mi copre di coccole e mi circonda di dolcezze e prelibatezze fatte con le sue mani.
Gli amici e le vostre voci tornano a farsi sentire, allegre, cinguettanti.
While I’m thinking about this, world seems to be again the craftsman of our emotions.
A robin comes to visit us everyday, he calls us, comes near to us, without fear, studies us and seems to understand our curious looks.
Snow that covers everything makes it bright, and what isn’t nice becomes beautiful with snow.
My lover covers me with cuddles and surrounds me with sweets and delicacies made by his hands.
Friends and your voice come back to my ears, happy and chirpy.


Insomma, c’è da sperare bene per quest’anno.
Tutti insieme possiamo concentrarci per una riuscita migliore di ogni cosa che è nelle nostre mani.
Auguri per un anno fantastico!
Well, there a good reason to hope, this year.
All together can concentrate to make better things that are in our hands.
Best wishes for a fantastic New Year!

7 commenti:

luby ha detto...

infiniti auguroni anche a te cara!
il mio di anno è iniziato in modo fantastico!!!!!

sooz ha detto...

Happy new year Danda :D

Danda ha detto...

Ciao Luby and hello Sooz!!!
Great to hear from that the new year started well!
Vi auguro che l'anno continui ad essere fantastico and very very happy too...
Lots of love

:Danda

Lo ha detto...

cara Danda auguriiiiiiiiiii a te e a Irish...e sai che ti dico che guardandomi intorno non so se sarà migliore per tutti, ma lo sarà per chi lo sceglie un bacio

Agave ha detto...

Che bel post!
Buon anno nuovo anche a te!
Molti mi chiedevano: "cosa butterai per capodanno?". Io non so rispondere, perchè ho difficoltà a liberarmi degli oggetti anche vecchi che per me rappresentano ricordi o nuove cose da trasformare e rendere ancora utili (è una fortuna che in casa abbiamo un grande soppalco-ripostiglio, che riserva sempre nuove sorprese...).
Baci
Evelin

Anice ha detto...

Tanti auguri Danda!!!

Danda ha detto...

@ Ciao Lo!!! Auguroni anche a te! Lo sai che quello che dici è proprio vero? Bisogna essere predisposti d'animo perché ci sia un vero cambiamento in meglio.
Bisogna volerlo! ;)

@ Evelin! Grazie! Auguri di Buon Anno! Vedi, che ti dicevo? La mentalità, più o meno ovunque è quella. Però pensavo che dopo il Natale si potrebbero organizzare un po' di swap party, dove ci si regala o si baratta quello che si è ricevuto di troppo... alcuni nostri amici ogni anno alla Befana organizzano la "ciofecata", una tombolata kitsch! Dev'essere davvero divertente e molto riciclosa! ;)

@ Anice, ciao!!! Grazie per gli auguri!!! Ricambio con affetto!!! Un felicissimo (credo che lo sia già) 2010!!! ;)