sabato 25 novembre 2017

L'eco-blogging è vivo e io mi sento benissimo! (forse)


10 anni sono passati dal mio primo post, mentre poco più di un anno è passato dal mio ultimo post, eppure con la mia testa sono stata sempre qui, pensando che, prima o poi, avrei ricominciato a scrivere. Danda non ha mai smesso di pensare in chiave “green”, di guardare il mondo “attraverso un filtro verde” e di agire cercando di avere il minimo impatto possibile sull’ambiente.

Qual è il problema? Il tempo e la stanchezza dopo il lavoro. Lavoro sempre, costantemente, dietro lo schermo del computer, o con lo sguardo fisso allo smartphone, che, per ragioni di calo della vista, ho dovuto riacquistare con un enorme display. Ma non posso fare proprio nulla contro l’avanzata imperterrita di questa era digitale, che mi chiede di diventare un tutt’uno con la tastiera!

Voi che dite? Ma soprattutto ci siete? Io spero proprio di sì e vi aspetto nei commenti.

Le statistiche dicono che qualcuno legge ancora questo blog nel mondo. Un semino l’ho buttato... e, nel tempo, com’è cresciuto! Ci sono molte cose che mi dicono che devo tornare a scrivere.

Ogni tanto il mio capo mi chiede: “Ma scrivi ancora sul blog?”. Se sono arrivata al mio lavoro attuale grazie anche al blog, come posso metterlo in un angolo?

Una stagione fa ho conosciuto Linda Maggiori, la persona che, due anni fa, mi aveva coinvolto in un monitoraggio annuale dei miei rifiuti, che ha creato il gruppo Facebook Famiglie Rifiuti Zero e che ha scritto il libro Impatto Zero: vademecum per famiglie a Rifiuti Zero, riportando la sua esperienza di “super-mamma” impegnata con tutta la sua famiglia a vivere una vita totalmente ecocompatibile. Un incontro totalmente illuminante! 



Un mesetto fa, alla proiezione di questo film sull’Appennino Emiliano Romagnolo, ho incontrato casualmente, Domenico Chiericozzi, il giornalista che mi intervistò nel 2010 per la trasmissione “Impatto Ambientale” in onda su una tv locale. Era ancora assolutamente convinto che fossi ancora una blogger attiva... il suo commento è stato: “Ma come, tu eri la numero uno!” a proposito di ecoblogger. L’ho salutato con la promessa che sarei ritornata.

Una settimana fa, seguendo su Instagram diverse blogger con la passione per la riduzione dei rifiuti, ho letto la fantastica notizia del nuovo blog retezerowaste.it, dove molte di loro stanno ora riportando la loro esperienza quotidiana orientata allo “zero waste”. Sono brave, entusiaste e creative! Ma soprattutto, dieci anni fa non avrei mai detto che ci sarebbero state così tante zero waste blogger italiane, che avrebbero creato una community online e che la parola zero waste sarebbe diventata di uso così comune!

Un paio di giorni fa ho letto (e commentato) un bellissimo e accorato articolo di una eco-beauty blogger, Vanessa del blog So Fashion che si interrogava sull’utilità di appassionarsi al blog per vedersi, però, sempre meno interazioni, affogate, invece, nel mare magnum dei social. Se siete blogger anche voi, vi invito a leggerlo, vi farà riflettere.

In quanto blogger e lettrice di blog, anche per lavoro, posso dire che il “blogging”, l’arte di scrivere un blog, non è affatto sulla via del tramonto, anzi, è vivo e vegeto!

Sì, è vero, ci sono blog e blog, non tutti sono curati, non tutti sono mossi dalla pura passione. Ma se non c’è passione... si vede. La moda di aprirsi un blog solo per la mania di visibilità, prima o poi, calerà e rimarrà chi ci ha messo da sempre il cuore. Io spero ancora di cavarmela.

Se ci siete e avete voglia di leggere di me, state sicuri che avrete ancora tanto da leggere, non vi mollo! 😉

sabato 5 novembre 2016

Il compleanno ai tempi dei social network




Oggi è il mio compleanno, ne compio 44... eh sì il regalo lo faccio io alla rete, un po’ della mia privacy. :-)
Sono di rientro da una due giorni di convegno sui social media, e, proprio oggi mi rendo conto di quanto i tempi siano cambiati.

Questa mattina mi alzo dal letto un po’ pigramente, perché, sì, evviva, è sabato! E poi è il mio compleanno, no? Posso poltrire ancora un po’...
I primi auguri li ricevo dal mio maritino che è già sveglio dalle 7 (fa sempre così nei weekend) e insieme facciamo una normale colazione, cappuccino e biscotti homemade con uvetta, nocciole e pinoli. Adesso sì che va meglio!
Guardo il cellulare spento, ma mi rifiuto di accenderlo. Ho bisogno di riprendermi, non sono ancora pronta alla valanga dei messaggi che riceverò.

Lavo le stoviglie, rinfresco la pasta madre che mi servirà domani per fare il pane, e preparo una lavatrice: fuori il tempo è brutto ma c’è un vento che asciugherà il bucato più velocemente del solito. Poi, ecco, mi decido ad accendere il cellulare.

E subito comincia inesorabilmente una serie di “drinn” e il display si riempie di notifiche... messaggi su Messenger, Whatsapp, sulla mia bacheca di Facebook che è proprio il primo (o meglio il secondo) a farmi gli auguri. Qualche cara amica che sera, o meglio, stanotte ha preferito farmi gli auguri che abbandonarsi alla stanchezza del venerdì sera. I messaggi sono pieni di baci, cuoricini, torte, regali, animaletti e pupazzetti festosi in forma di emoticon o immagini. Un video di Raffaella Carrà, e una foto della mia sorellina, con me vestita da sposa e io mi commuovo...

Tre telefonate e due sms. Si vede che i tempi sono cambiati! 
Ma vediamola così: non è mica scontato che ti scrivano persone con cui non ci si vede da anni, eppure succede! E persone che nemmeno conosci di persona, o ti conoscono appena, ti fanno gli auguri e spendono qualche minuto per farti arrivare il loro affetto. Non è bellissimo? Più di cento... e continueranno, specialmente dopo che condividerò questo post! :-)

Sì, c’erano compleanni in cui le mie orecchie si scaldavano sul display del cellulare, perché non riuscivo a staccarmici. Però a me oggi sta bene così: ho avuto tempo per me, persino per scrivere questa mia nota! Stasera si festeggia!

Evviva i social network! ;-)

sabato 8 ottobre 2016

Ritorno al blog / Back to my blog




Sono tornata! O meglio, non sono mai andata via!
Da un anno e qualche mese non ho pubblicato più alcun post ma il blog è sempre rimasto nella mia mente, fremendo per poter rimetterci mano, prima o poi. E finalmente eccomi qua e per l’occasione ho rinnovato un po’ l’aspetto delle mie pagine.

Ma perché tutto questo tempo?
Principalmente il lavoro, che mi occupa, oggi, molto più tempo di prima, e sono sempre più davanti ad uno schermo, che sia quello del computer o del tablet o dello smartphone. Blog e social, sono, ormai pane quotidiano per me, specialmente per lavoro. Per questo ho ceduto finora alla volontà di spegnere lo schermo e allontanare la tastiera, dopo aver svolto gli obblighi quotidiani.

In secondo luogo, è proprio dall’estate scorsa che sono stata impegnata nel preparare l’evento più bello della mia vita: dallo scorso giugno sono finalmente (e felicemente) sposata!!!
E come poteva essere il matrimonio di Danda (e Paolo), se non un eco-matrimonio? Voglio assolutamente raccontarvi tutto ciò che abbiamo fatto per rendere questo giorno sostenibile e speciale!

Poi c’è stato “il viaggio”, in un luogo spettacolare, il Canada Orientale... visitando luoghi dove ho constatato davvero cosa significhi essere in mezzo alla Natura, fra ecosistemi incredibili e selvaggi! Anche il viaggio merita un racconto qui sul blog, e non mancherò di farvelo vivere come in prima persona!

Infine sono diventata di nuovo zia, di una bellissima bambina chiamata Giulia. E forse questo mi ha spinto ancora di più a riprendere in mano il blog. Vorrei che il mio contributo per un mondo più vivibile possa essere sempre più d’aiuto a chiunque si affacci qui su questa “finestra” e decida di vivere la sua vita in modo più sostenibile!

Per il momento vi saluto ma per poco, intesi? ;-)


I’m back! Or rather, I never went away!
For more than a year I did not publish any post but the blog was always on my mind, and I couldn’t wait to write posts again, sooner or later. And finally here I am and, for the occasion, I have renewed just a bit the look of my pages.

But why to wait all this time?
Mainly job, which makes me busy, now, much longer than yesterday. I’m always in front of a screen, computer, tablet, or smartphone’s one. Blogs and social networks, are now my bread and butter for me, especially for business. This is why I have so far succumbed to the desire to turn off the screen and keep me away from the keyboard after having played daily commitments.

Secondly, it is precisely since last summer that I have been engaged in preparing the most beautiful event of my life: since last June I’m finally (and happily) married!!!
And how could the Danda (and Paolo)s wedding be, if not an eco-wedding? I definitely want to tell you how we were able to make that one a sustainable and so special day!

Then there was “the journey”, in a spectacular place, the Eastern Canada... going to places where I realised what really is to be in the midst of Nature, of incredible and wild ecosystems! Even the journey is worth a story here on the blog, and I will let you live it like being in person!

Then, finally, I became aunt again, aunt of a beautiful girl named Giulia. And perhaps this event inspired me even more to begin posting again. I would like to continue giving my contribution for a better world, helpful to anyone who faces here on this “window” and decides to live his life in a more sustainable way!

See you later, for now, but not for long, okay? ;-)