domenica 15 giugno 2008

Finalmente a Rimini i detersivi alla spina!!!

Dopo aver a lungo cercato i detersivi alla spina, ed essermi invece momentaneamente “arresa” a semplici confezioni grandi di detersivi ecologici, ieri, durante una normalissima passeggiata in centro a Rimini, soffermatici a curiosare in un negozietto con una grande scritta che indicava il “Mercatino solidale dell’Usato” (mi piacciono tanto i mercatini dell’usato e ne parlerò in seguito), abbiamo fatto questa sensazionale scoperta che sconvolgerà le nostre abitudini.

In questo mercatino sono disponibili dall’inizio di questo mese (giugno) i detersivi ecologici alla spina! Una svolta nel consumo di flaconi destinati in genere al riciclo, una nuova tappa verso i rifiuti zero!
Questo significa che avremo la possibilità di recarci col nostro flacone e rifornirci di detersivo per infinite volte, senza mai più gettare involucri!
Ancora più positivo è che questa linea di prodotti è fatta anche con materie prime biologiche ed equo e solidali e la sede dell’azienda che li produce è di Rimini. Quindi triplo vantaggio per l’ambiente!

Per chi volesse sapere dove si trova il negozio, gestito dall’Organizzazione non governativa ManiTese, vi linko direttamente sulla mappa.

Questo è l’indirizzo e questi sono gli orari:

Mercatino solidale dell’Usato
Via Circ. Occidentale, 28 – 47900 Rimini
rimini@manitese.it
tel&fax: 0541-785305

Aperti dal martedì al sabato 9,30-13,00, mercoledì e sabato dalle 16,00 alle 19,30

ManiTese promuove il riuso, il riciclaggio, la riduzione dei rifiuti, uno stile di vita sobrio e la decrescita felice. Opera in tutta Italia, sostenendo con varie iniziative i paesi del mondo svantaggiati e promuove attività di volontariato proponendo il servizio civile in diversi ambiti tra i quali anche quello ambientale.

Segnalo anche che venerdì 20 giugno l’organizzazione organizza presso il Caffè letterario Assenzio la presentazione di un libro “Non è vero che tutto va peggio” di Michele Dotti, con la partecipazione di Jacopo Fo. Dal titolo di questo libro si evince un modo tutto positivo di affrontare la vita riassunto in questa frase da loro citata:
Fa più rumore un albero che cade... ma noi abbiamo scelto di raccontare la foresta che cresce!

1 commento:

Danda ha detto...

Ieri sera siamo stati alla presentazione del libro annunciato "Non è vero che tutto va peggio", sotto ulteriore invito delle bravissime persone che fanno parte di Mani Tese a Rimini.

Il posto, un caffé letterario nel cuore della città, è raccolto, piacevole, ideale per incontri e chiacchierate, ma niente faceva intendere che di lì a poco ci sarebbe stata la presentazione di un libro.

Effettivamente è stata una presentazione informale, una chiacchierata accesa, assolutamente interessante, su temi che condivido pienamente, che si è conclusa in piena notte, proprio per il tono amichevole, coinvolegente e appassionato introdotto da uno degli autori, Michele Dotti.

Michele Dotti è un formidabile educatore, formatore del CRES (Centro Ricerca Educazione allo Sviluppo), con parecchi anni di esperienza nel volontariato, specialmente in Africa, dove ha conosciuto da vicino situazioni estreme ma totalmente formative. Lì ha imparato a pensare con una mentalità diversa, conoscendo la relatività di alcuni problemi del nostro mondo e capendo che la nostra percezione distorta delle realtà passa attraverso un'informazione totalmente deformata e piegata agli interessi delle lobby del potere.

Per me è davvero difficile riassumere quello che è successo ieri sera, ma è stato un incontro che ha mi aperto gli occhi su cose note e meno note che siamo abituati a vedere da un punto di vista totalmente negativo.
Ho appreso una lezione vera, capendo che il mio piccolo contributo all'ambiente e al cambiamento della mentalità, attraverso il blog, non è inutile. Citando le parole assolutamente non scontate dell'autore "le rivoluzioni vengono dal basso"...

La serata mi ha caricata di ulteriore entusiasmo e presto mi dedicherò alla lettura del libro (credo che lo divorerò), e riporterò qui un'accurata recensione. Intanto consiglio, a chi si avvicina a questo titolo, di non soffermarsi all'apparenza, ma di provare a conoscere in modo approfondito le tesi di questi due autori. Potrebbero cambiare il nostro punto di vista!

Ringrazio, infine, per la bella serata le ragazze di Mani Tese alcune delle quali ho conosciuto brevemente e con le quali spero di poter iniziare una bella collaborazione nello spirito che ci anima!

A presto!