giovedì 1 ottobre 2009

“Bicycle! Bicycle! I want to ride my bicycle, I want to ride my bike…”*



Non vi ho detto che… ah quante cose non vi ho detto! Quante cose sono successe nell’ormai trascorsa estate e che sono degne di nota qui nel blog!
Ottobre è appena cominciato ed è un mese ricco di appuntamenti ma, prima di farmi travolgere dalle novità, vorrei un attimo premere ‘rewind’ per rivedere qualche frame della scorsa stagione.
I didn’t say that… ah, how many things I didn’t say! How many things are happened in the past summer and things are worth to be mentioned here in the blog!
October is just begun and is a month full of events, but, before being involved in everything new, I want to click ‘rewind’ to see again some frames of the past season.


Vi racconto per oggi ‘l’odissea della bicicletta’! Ossia la decisione, un po’ sofferta, di acquistare una bicicletta. Per dare questa grande svolta abbiamo tentennato parecchio…
I’ll tell you about the ‘Odyssey of the bicycle’! That is the decision, a bit suffered, to buy a bicycle. In facts, to make the big step, we hesitate a lot…

In principio avevamo due vecchie mountain-bike, un po’ scomode a dire il vero, che però ci hanno scarrozzato in lungo e in largo per la riviera romagnola – una volta le abbiamo portate fino a Ravenna – durante le nostre vacanze riminesi. Poi il tempo e la ruggine le hanno un po’ invecchiate. Erano ancora funzionali, però, bisognava dare qualche aggiustatina e non sapevamo a chi rivolgerci.
Così sono rimaste un po’ nella capanna degli attrezzi e un po’ nel sottoscala, finché un giorno l’assessore all’ambiente di Rimini ha lanciato un appello per donare delle biciclette ad una struttura di volontariato della città. Con una piccola revisione prestata dai volontari, le due mountain-bike sono andate nelle mani di queste persone più bisognose.
At first we had two old mountain-bikes. They were a bit uncomfortable to say the truth, but they gave us the chance to go along the coast of Romagna – once we took them as far as Ravenna – during our summer holidays in Rimini. Then time and rust made them old. But they were still usable if someone – that we didn’t know – would have been able to repair them. So they rested along in the tools cabin in the garden or under the stairs, until on a day the Environment City Council member of Rimini launched an appeal for donating some bikes to a volunteer group of the city. With little reparations by the volunteers the two mountain-bikes were brought to more needy people.

E noi? Abbiamo sopravvissuto per lungo tempo senza… ma ahi quante volte abbiamo rimpianto di non avere un mezzo a basso impatto per andare all’ufficio postale o a fare la spesa o per andare a prendere il latte al distributore o l’acqua alla sorgente o semplicemente per fare una pedalata!
Per un piccolo frangente, mi era balenato in mente di acquistare persino una bici elettrica. Io l’ho anche provata in un negozio, ma, non abituata a controllare la velocità sono rimasta terrorizzata dalla paura di schiantarmi contro qualche ostacolo! Poi, l’abbondanza di rotolini vari sul mio corpo mi ha fatto oltremodo desistere… se dovevo pedalare, lo dovevo fare senza nessun aiuto!
And we? We survived for a long time without bikes… but hay, how many times we regretted that we hadn’t a low impact vehicle to go to the post office, to go shopping or to go to take the milk at distributor or the water at the source fountain or simply to go.. by bike!
For a little while, I thought to buy even an electrical bike! I also proved it in a shop, but, getting not used to control speed, I was terrified by the fear to crash on an obstacle! Then, the abundance of fat on my body, made me renounce to it… if I had to cycle, I have to do without any aid!


La speranza di possedere (o almeno condividere) una bicicletta, poi, si era riaccesa con la notizia dell’inaugurazione del servizio di bike-sharing della città. Mi sono informata subito e sono rimasta delusa dal fatto che, per alcuni problemi burocratici, non avrei potuto iscrivermi.
Ogni volta che passavo vicino agli stalli delle biciclette pubbliche, un pizzico d’invidia mi assaliva… Quando infine i problemi si erano ormai risolti e la burocrazia era un incubo superato, il nuovo tentativo di iscrizione era andato anche a vuoto: erano finite le chiavette a disposizione! Grrrr!
The hope to have (or at least to share) a bike, then, was lighted by the news of the new service of bike-sharing in my city. I early got informed but I was disappointed by the fact that, for some bureaucracy problems, I couldn’t subscribe me to it.
Every time I walked near the public bikes’ stalls a bit of envy was in me… Even when problems were solved and bureaucracy was a far nightmare, my new attempt to subscribe failed. The keys for bikes were exausted! Grrr!


Poi sono arrivati gli incentivi all’acquisto di biciclette… ma come sono arrivati sono volati!
E noi, pur recandoci speranzosi da un produttore locale di bici, non abbiamo trovato nulla al nostro caso, o meglio, l’acquisto sarebbe stato ormai fuori dagli incentivi. Perciò valeva la pena aspettare, sia per un annunciato ripristino degli incentivi stessi, sia per fare la scelta con un po’ più di calma, valutando bene la tipologia di bici adatta al nostro uso.
Then the incentives to purchase bikes arrived from the government… but as they arrived they flew away!
And, going to a local bike producer with a hope, we didn’t find anything good, or better our purchase would be out of incentives. So, it was worth to wait a new announcement of the government or to choose bikes with more calm, well valuing the type of bicycle we needed.


Così siamo arrivati alla metà di quest’estate che le bici ancora non c’erano. Che rabbia… con la bella stagione era una tortura dover andare a piedi sotto il sole per fare piccoli tratti! Allora ci siamo decisi e… l’acquisto è stato fatto. Ormai è passato più di un mese e le due luccicanti city-bike sono diventate quasi indispensabili per spostamenti di piccolo e medio raggio.
So arriving to the half of this summer, we still hadn’t bikes. Blimey! With the hot season it was terrible to go under the sun, even to walk for short distances! Then we decided… and the purchase was done! By now more than a month has passed and the two shining city-bikes are almost essential for movements in a short of medium distance.


E c’è in più la novità che, dopo aver atteso con ansia l’annuncio di nuove chiavi disponibili, siamo riusciti anche ad iscriverci al servizio di bike-sharing di Rimini! Ma voi direte: a che serve ormai? Beh, come abbiamo già sperimentato un pomeriggio di una domenica, è una pacchia! Possiamo lasciare l’auto in un parcheggio lontano dal centro storico, dove ci sono le bici pubbliche e con quelle e recarci in giro per la città! A dire il vero le bici sono un po’ pesanti, ma utilissime per spostarsi senza avere la preoccupazione del parcheggio, di inquinare coi gas di scarico e… di avere poi abbastanza energia per fare altri otto chilometri e tornare a casa! Con la chiave di queste bici, inoltre, potremo girare, se lo vogliamo in moltissime altre città d’Italia che offrono il servizio di bike-sharing offerto dallo stesso gestore, contrassegnato col nome “C’entro in bici”. Bello no?
And to add there’s the news that, waiting the announcement of new available keys, we were able also to subscribe the bike-sharing service of Rimini! But you can ask… why? Well, as we experimented during a Sunday afternoon, it’s totally funny! We can leave car, parked far from the city centre, where there are the public bikes’ stalls and by bike we can go around the city! To say the truth, bikes are a bit heavy, but they are very useful to move without worring about parking, pollution and… energy to cycle more for going back home! With these keys you can share bikes in most of cities in all Italy – limited to the service called “C’entro in bici” –. Fine, no?



Insomma abbiamo riscoperto il bello di andare in bicicletta, se non fosse per alcuni nuvole che oscurano questo lieto fine…
At the end we rediscovered the beauty to go by bike, even though some clouds are obscuring the happy end…

Per prima cosa che sono stati riattivati gli incentivi per l’acquisto delle bici, alla facciaccia nostra! Ieri ho saputo che però a Rimini sono già terminati… Rimini è la terza città d’Italia, dopo Roma e Milano ad aver venduto biciclette incentivate. Ben 1144 bici, è comunque una bella notizia, no?
First of all the government incentives were activated again, blimey! But yesterday I knew that they were already exhausted… Rimini is the third city in Italy, after Rome and Milan, for bikes sold by incentives. Well 1144 bikes, is it a wonderful news?

In secondo luogo, ho scoperto quanta poca considerazione hanno gli automobilisti per i ciclisti, costretti a fare piste ciclabili impraticabili per la presenza di motorini e macchine ivi parcheggiate, costretti a scendere e salire ad ogni attraversamento di strada (obblighi nuovi del codice stradale… un po’ assurdi, direi), costretti a guardarsi con tanto d’occhi per non essere distrattamente falciati da automobili in cui si parla alla guida col cellulare, o automobili che non mettono frecce e così via. Mah… altro che automobilista protetto… e il ciclista chi lo protegge? Forse qualche santo in paradiso?
Then, I’ve discovered how few is the consideration that motorists have for cyclists. These are obliged to go on cycle tracks, which are occupied by scooters and cars, obliged to get down and on the bike every crossing (as the absurd new laws of the highway code say), obliged to be so careful for not being cut from cars in which people drive with the mobile phone in the hand, or do not use the indicators, and so on. Well… a reserve for motorists? Of course! And for cyclists? What saint could protect them?

Terza nota negativa… ehm… il mio osso sacro… mi sa che devo cambiare il sellino della bici! :D
The third bad news is that… ehm… my coccyx hurts… I fear that I need to change the bike saddle! :D

13 commenti:

Layla ha detto...

What a great incentive!

I love the idea of bike-sharing!! I wish our government does something like this too!

My Dad keeps buying new bikes and I end up riding his bikes too.. :)

Hope you soon get accustomed to the bikes!:)

Danda ha detto...

Eh eh!!! Yay! I'll get accustomed soon to my bike, Layla, or the bike will get accustomed to me!!! ;D

Bike-sharing is really good for cities that have great problems of traffic, like mine! Why don't you make a proposal to the mayor of your municipality?

As regards the government incentives for buying bikes, it was a good thing too but the available money invested in this purpose was very few and was spent also for electrical vehicles like bike and scooters... so it early finished! :((

Thanks so much for your visit and have a lot of fun with your Dad's bike! See ya! ;)

luby ha detto...

sigh sigh!
io la bici ce l'avrei e anche bellina!
peccato che deve farsi 200 kg per raggiungermi...è nel magazzino dei miei genitori e nessuno sembra interessato a farmela recapitare... :(
mi hai fatto venir voglia di pedalare!!!!!!!!
il mio compagno-tigre-consumista pur di non caricare la mia adorata bici sulla sua "meravigliosa,a suo dire, auto" si è offerto di regalarmela una nuova.
ma che carino... :P
no
voglio la mia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Marco *Consumo Meno* ha detto...

Pedala, Danda. pedala :-D

Danda ha detto...

Ciao a tutti, scusate la mia assenza...

@ Lubyyy, vuoi mettere due bici in due posti diversi? Beh, capisco che sei affezionata alla tua, ma comprare una bici è un ottimo investimento! Così puoi utilizzarla sia quando vai a trovare i tuoi genitori che quando sei lontana da loro. :D

@ Vero, Marco! Che bello pedalare!!! ;D

valeria ha detto...

ma che belli che siete alle prese con le bici, vostre o del bike sharing!!
come si dice a Roma: hai voluto la bicicletta... e mo' pedala :D
un bacio!!!

Danda ha detto...

Ahahah
Cara Vale, non sai quanto è vero questo modo di dire nel mio caso!
Mo' pedalerò, non preoccuparti, ho fatto tanto per averla! ;)

Lo ha detto...

urca che biciclette sudate già prima di averle...eheheh però avete fatto benissimo...anche se come dici tu i cilisti rischiano parecchio in fatto di sicurezza sulle nostre strade per colpa di atteggiamenti incivili...dai pedaliamo allegri! un bacione ad entrambi

Danda ha detto...

Ma sì, cara Lo, la bici è un mezzo fatto per muoversi in spensieratezza! Perciò godiamoci le ultime giornate di caldo sulle due ruote in allegria! :)

lunarossa ha detto...

Ciao Danda, grazie di essere passata dal mio blog! Che bello l'incentivo sull'acquisto delle bici e il servizio di bike-sharing di Rimini! Siete proprio all'avanguardia in Italia!!! Adoro andare in bicicletta, ma qui in Inghilterra, come ben sai, piove molto e soprattutto c'e' sempre parecchio vento, quindi non e' cosi' facile. Concordo con te che c'e' ben poco rispetto per i ciclisti in Italia, ma anche qui non va molto meglio! Cari saluti da Antonella

Danda ha detto...

Che piacere ritrovarti qui Lunarossa!!!
Devo ammettere che è un po' che venivo a curiosare sul tuo blog, ma non ho mai avuto modo di commentare... sei molto seguita!
Mi affascina leggere delle persone che si sono trapiantate in un altro luogo! Vivere in Inghilterra dev'essere magnifico. Io, purtroppo non ho avuto ancora il piacere di visitarla, ma non voglio farmelo mancare ancora per molto!
Se dove vivi tu non esiste ancora un servizio come questo - forse perché effettivamente non è il clima più adatto, sicuramente in Inghilterra siete più all'avanguardia su altri fronti... penso alla campagna Rifiuti Zero che viene attuata con grande promozione dalle stesse amministrazioni locali, e il fermento del pubblico è davvero eccezionale, cosa che qui invece scarseggia parecchio!
Ma avremo modo di parlarne nei prossimi post!
Un abbraccio dall'Italia!!!

Layla ha detto...

Hm, we are a very small town.. about 5.000 people.. and countryside/rural area.. And most people have bikes anyway.. Not sure if something like this would come 'alive' here?
Interesting idea though...

(Some informal 'bike exchange' was done years ago, when bikes got stolen for one night and then found in another part of the town!:)

PS You've won an AWARD - come take a look: http://ecoexperiment.blogspot.com/2009/10/superior-scribbler-award.html

Danda ha detto...

LOL on the very singular bikes exchange!
I think that there isn't a mininum of citizens to have a bike sharing service, because it could be used also to go from a country area to another. But if people yet have bikes, it's a good thing the same.
However bike sharing isn't only to avoid pollution in cities, but also to avoid the only possession of personal bikes which is a waste of resources... they say it's better sharing than buying!!!
And at last thank you so much for the wonderful award and the words you said about me! I hope I'll deserve! ;)